Vabbe Verbena

Vabbe Verbena,
Contro il recinto ora appoggiato,
Dove stavo pulendo le finestre
Al Palazzo della Verlina.

Ho salito acutamente una scala
Sopra i salici che piangono
Perché sono nato peccatore;
Abbiamo tutti i nostri inizi.

Abbiamo fatto l’amore fino al tramonto
Giorni di merletti e pigrizia,
Rosa svestiti e servizi da tavola
Di insalata, primavera.

E sebbene il mio cuore stesse battendo,
Tali momenti sono ancora fugaci,
Le lancette del tempo sono indifese
Carta da parati preraffaellita che si scioglie.

Quindi non importa, mia cara,
Per la scala che scivola, cade,
Dove tutte le mie speranze sono state deluse
Sul Palazzo della Verbena.